ENPAPI

lunedì 20 novembre 2017
Visitatori 3514059
cerca nel sito
 >>
Eventi Riduci
News Riduci
PROROGA SCADENZA SALDO 2016 AL 22.12.2017 - venerdì 17 novembre 2017

Per venire incontro alle richieste degli iscritti, si comunica che la scadenza del versamento del contributo dovuto a saldo per l'anno 2016 è stata prorogata al 22 dicembre 2017.  

MODELLO UNI/2017 - DICHIARAZIONE TELEMATICA - giovedì 20 luglio 2017

È attiva la funzione per comunicare telematicamente i dati reddituali relativi all’anno 2016 ed i presunti del 2017, accedendo al menù Dati reddituali, sezioni Modello UNI e Reddito Presunto del Cassetto Previdenziale. In caso di errore, è possibile rettificare il dato trasmesso presentando una nuova dichiarazione in via telematica.

 
ATTESTAZIONE VERSAMENTI - ANNO 2016 - venerdì 12 maggio 2017

L’Attestazione dei Versamenti 2016 è disponibile nella sezione “Certificazioni - Attestazione Versamento - 2016” dell’Area Riservata.
L'Attestazione è il riepilogo di tutti i pagamenti corrisposti da gennaio a dicembre 2016 distinti a loro volta per tipologia di contributo coperto.
 

PAGAMENTI TRAMITE MODELLO F24 - TEMPI DI LAVORAZIONE - venerdì 31 marzo 2017

Si rappresenta che i pagamenti tramite modello F24 sono elaborati e forniti dall'Agenzia delle Entrate solamente a partire dal giorno 5 del mese successivo al versamento (i pagamenti effettuati negli ultimi giorni del mese, invece, slittano al giorno 5 del secondo mese successivo al pagamento - es. pagamento 28 febbraio, comunicazione dall'Agenzia il 5 aprile). A questi dovranno essere aggiunti i giorni di lavorazione interna da parte degli Uffici per la corretta imputazione dei versamenti. Pertanto, il tempo intercorrente tra il pagamento e la visualizzazione dell'importo in estratto conto può richiedere anche più di un mese di lavorazione.

 
CERTIFICAZIONE UNICA 2017 – AVVISO - venerdì 31 marzo 2017

Si comunica che è disponibile nell’Area Riservata, sezione “Certificazioni”, la Certificazione Unica 2017 relativa agli emolumenti percepiti nell’anno 2016.

 
ACCONTI 2017-NOVITA' F24 - venerdì 24 febbraio 2017

A decorrere da quest’anno, l’Ente ha introdotto il Modello F24 pre-compilato come nuovo canale di pagamento dei contributi previdenziali, che sostituisce il bollettino MAV. Per ciascun iscritto, all’interno dell’Area Riservata, è stato elaborato un piano di versamenti che si riferisce alla contribuzione minima per l’anno 2017 ed all’anticipo del saldo 2016 calcolato sulla base dei redditi presunti dichiarati per l’anno antecedente o, in mancanza, sull’ultimo dato reddituale comunicato, opportunamente rivalutato.

 
ESTRATTO CONTO 2016 - mercoledì 7 dicembre 2016

Si informano gli Assicurati che è disponibile nell'Area Riservata agli iscritti l'estratto conto previdenziale 2016. Il documento, insieme alla "diffida di pagamento" in presenza di inadempimenti contributivi, può essere consultato accedendo al Cassetto previdenziale. Per accedere al Cassetto occorre digitare il proprio codice fiscale e le credenziali presenti sulla Grid Card ENPAPI. Si ricorda che il deposito nel Cassetto equivale ad ogni effetto alla formale notifica dei documenti in esso contenuti, così come indicato nell'informativa sul "Cassetto previdenziale ENPAPI".

 
SALDO 2015 - PAGAMENTO TRAMITE F24 - lunedì 28 novembre 2016

Si ricorda la possibilità di versare il saldo contributivo 2015 attraverso il modello F24 Accise, utilizzando il codice tributo E016 nella sezione "Accise/Monopoli e altri versamenti non ammessi in compensazione, in corrispondenza delle somme indicate nella colonna "importi a debito versati". È, inoltre, necessario indicare: - nel campo "ente", la lettera "E" - nel campo "provincia", nessun valore - nel campo "codice identificativo", il numero di matricola di iscrizione all'Ente - nel campo "mese", il numero "12" - nel campo "anno di riferimento", l'anno "2015".

 
BOLLETTINI M.Av. - SALDO 2015 - venerdì 25 novembre 2016

ENPAPI, in collaborazione con la Banca Popolare di Sondrio, sta provvedendo in questi giorni a posizionare nel Cassetto Previdenziale il bollettino M.Av. per il versamento della contribuzione dovuta a saldo per l'anno 2015. Il pagamento dovrà essere effettuato entro il 10 dicembre 2016 presso gli uffici postali o gli sportelli della Banca Popolare di Sondrio o di qualsiasi altro Istituto bancario ovvero utilizzando la carta di credito ENPAPI, tramite accesso all'Area Riservata agli iscritti. Il bollettino non è stato emesso per i contribuenti che, attraverso i pagamenti effettuati nell'anno 2016, abbiano già versato l'intera contribuzione dovuta per l'anno 2015, o che non abbiano presentato la comunicazione reddituale relativa al 2015 (Modello UNI/2016) ovvero che siano iscritti alla Gestione Separata ENPAPI. Il numero verde della Banca Popolare di Sondrio 800.248.464 è attivo sia per richiedere informazioni o sia per richiedere l'emissione del duplicato del bollettino M.Av., disponibile in ogni caso nell'Area Riservata.

 
RATEIZZAZIONE DEL VERSAMENTO DELLA CONTRIBUZIONE DOVUTA A SALDO PER L'ANNO 2015 - martedì 22 novembre 2016

L'Assicurato che si trovi in condizioni di disagio economico e non riesca a far fronte al pagamento della contribuzione dovuta a saldo in un'unica soluzione, potrà richiedere entro il 28/02/2017 la dilazione del pagamento dovuto, in massimo 6 rate mensili, con prima scadenza 10 aprile 2017. Il tasso di dilazione applicato è lo stesso previsto per la rateizzazione della contribuzione dovuta per gli anni pregressi. Requisito necessario è la regolarità dichiarativa e contributiva nel biennio antecedente l'anno per il quale si effettua la richiesta. Per ulteriori informazioni visitare la sezione "Contributi/ Rateizzazione/ Rateizzazione della contribuzione dovuta a saldo".

 
ELABORAZIONE BOLLETTINI M.Av.- SALDO 2015 - martedì 15 novembre 2016

Si comunica che sono in corso di lavorazione da parte dell'Ente, in collaborazione con la Banca Popolare di Sondrio, i bollettini M.Av. per il versamento della contribuzione dovuta a saldo per l'anno 2015, che saranno posizionati, entro la fine del mese di novembre nel Cassetto Previdenziale. Il bollettino non sarà emesso per tutti coloro che mediante i versamenti già effettuati, abbiano completato il versamento della contribuzione dovuta a saldo (anno 2015) ovvero non abbiano presentato la comunicazione reddituale relativa all'anno 2015 ovvero siano iscritti alla sola Gestione Separata ENPAPI.

 
Home
IN EVIDENZA Riduci

EQUO COMPENSO ALLARGATO A TUTTI I PROFESSIONISTI: IL SI DEL SENATO 

venerdì 17 novembre 2017
Comunicato Stampa ENPAPI  

Giovedì 16 novembre l'Assemblea ha rinnovato la fiducia al Governo, approvando il maxiemendamento interamente sostitutivo del ddl n. 2942, di conversione in legge del decreto-legge in materia finanziaria e per esigenze indifferibili (c.d. “Decreto Fiscale”), che passa ora alla Camera dopo che ha recepito le modifiche della Commissione Bilancio e, nello specifico, l'emendamento che estende, non solo agli avvocati, ma a tutti i professionisti, il diritto all’equo compenso, ovvero a un compenso minimo al di sotto del quale non si potrà scendere e che deve essere “proporzionato alla qualità e quantità del lavoro”.
In particolare, ai sensi del comma 2 dell’art. 19-quaterdecies, le norme sull’equo compenso previste per la professione forense sono applicabili, in quanto compatibili, anche a tutti i rapporti di lavoro autonomo che interessano professionisti, iscritti o meno agli ordini e collegi, i cui parametri sono definiti dai decreti ministeriali di attuazione del Decreto Legge n. 1/2012.
Tra i decreti ministeriali di attuazione del Decreto Legge n. 1/2012, rientra il Regolamento emanato dal Ministero della Salute con il Decreto Ministeriale n. 165/2016, che, con riferimento alla professione infermieristica, ha introdotto i parametri per la liquidazione giudiziale dei compensi in caso di mancato accordo tra le parti.
Inoltre, ai sensi del comma 3 dell’art. 19-quaterdecies, anche la pubblica amministrazione dovrà garantire il principio dell’equo compenso per le prestazioni professionali relative ad incarichi successivi all’entrata in vigore della disposizione.
Il Presidente dell’ENPAPI, che fin dall’inizio ha sostenuto attivamente l'iniziativa legislativa, esprime soddisfazione per l’estensione ai professionisti infermieri della disciplina sull’equo compenso, che si pone quale rimedio alle situazioni di squilibrio nei rapporti contrattuali con la pubblica amministrazione e i grandi committenti.
Le norme sull’equo compenso, secondo il Presidente Schiavon, daranno maggiori certezze non solo ai professionisti infermieri, ma anche ai cittadini, tutelandoli in ordine alla qualità della prestazione, senza perciò ostacolare la libera concorrenza.
Adesso il testo dovrà passare alla Camera, dove ci si auspica dovrebbe essere "blindato" così come dichiara lo stesso relatore, Silvio Lai.

IN EVIDENZA Riduci

IL RAPPORTO ESDE DELLA COMMISSIONE EUROPEA 

martedì 07 novembre 2017
di Mario Schiavon  

Nell’arco dei prossimi 40 anni, in Europa, da un lato aumenterà la popolazione anziana, che sarà a carico dei sistemi pensionistici e, dall’altro, vi sarà una riduzione dei lavoratori attivi. E, nonostante una ripresa del Prodotto interno lordo (Pil), visto che tra il 2016 e il 2017 è aumentato dell’1,9% nell’Unione europea e dell’1,8% nell’Eurozona, la disoccupazione temporanea e quella di lunga durata rappresentano ancora una sfida importante per l’Ue, con significative differenze tra Stati membri e tra i territori regionali delle nazioni che fanno parte dell’organismo di Bruxelles. È quanto testimoniato dal rapporto ESDE (Employment and Social Development in Europe), dossier confezionato annualmente dalla Commissione europea, con l’intento di fornire dati e analisi sugli sviluppi occupazionali e sociali nel Vecchio continente, nonché per individuare le principali tendenze e le sfide imminenti nel mercato del lavoro. Il testo contiene spunti particolarmente utili all’attività dell’Adepp (Associazione degli Enti previdenziali privati e privatizzati, di cui l’ENPAPI fa parte), anche in vista del seminario che l’Associazione ha organizzato dal titolo Professioni in Europa: sfide demografiche e digitalizzazione del lavoro, che si terrà a Bruxelles il 7 Novembre (dalle 16 alle 18:30); all’evento prenderanno parte Nicola Danti, parlamentare europeo del Gruppo S&D, Loukas Stemitsiotis, direttore dell'Unità Analisi tematica presso la Direzione generale Occupazione e Governance nella DG Occupazione, affari sociali e inclusione della Commissione europea e Stefano Scarpetta, direttore dell’occupazione, lavoro e affari sociali dell’OCSE dal 2013.
A meritare attenzione è la condizione degli under35: i giovani lavoratori di oggi e le platee occupazionali di domani dovranno, infatti, affrontare quello che è stato definito il «doppio onere dell’invecchiamento», ovvero sostenere tassi di contribuzione più elevati e accettare prestazioni previdenziali più basse. Già oggi i contributi da versare ammontano al doppio di quelli corrisposti dalle generazioni precedenti, e si teme che potrebbero divenire il triplo, tenendo conto delle condizioni del mercato del lavoro. A destare allarme, poi, sono pure le dirette conseguenze delle carriere professionali sempre più frammentate (altra eredità della crisi economica), che eroderanno ulteriormente i futuri diritti pensionistici dei giovani lavoratori, aumentando tale «doppio onere».
Per queste ragioni, pertanto, gli esperti Ue sottolineano come gli stessi sistemi di welfare, che adesso hanno il compito fondamentale di garantire l’equità tra le generazioni, potrebbero avere bisogno di progressivi aggiustamenti nel tempo, per fronteggiare il rischio di pesanti disparità a carico delle nuove leve occupazionali.

IN EVIDENZA Riduci

MODELLO UNI/2017

Il termine per la presentazione del Modello UNI/2017 è scaduto l'11 settembre 2017.

 

 

La comunicazione dei dati del Modello UNI deve essere effettuata esclusivamente in via telematica da tutti coloro che sono stati iscritti ad ENPAPI per l'anno 2016, anche se solo per una frazione di anno e qualora successivamente esonerati. Nel caso di decesso dell'iscritto, l'obbligo di trasmissione del Modello, così come del pagamento delle relative somme, è a carico degli eredi. Il Modello deve essere obbligatoriamente compilato e trasmesso anche nel caso in cui le dichiarazioni fiscali di riferimento non siano state presentate, o, se presentate, contengano importi imponibili pari a zero o negativi.

 

continua...

 

IN EVIDENZA Riduci
NUOVA AREA RISERVATA: IL "CASSETTO PREVIDENZIALE" Riduci

 

E' ATTIVA LA NUOVA AREA RISERVATA PER GLI ISCRITTI 

DENOMINATA "CASSETTO PREVIDENZIALE"

 

PER ACCEDERE CLICCA QUI

Per l'accesso è necessario inserire il proprio Codice Fiscale ed i codici  richiesti contenuti sul retro della CARD SERVIZI ENPAPI

 

Istruzioni per l'utilizzo

Si ricorda che, qualora non fosse pervenuta presso il proprio domicilio, è possibile richiedere la CARD SERVIZI ENPAPI in formato elettronico attraverso il seguente modulo:

Domanda per la richiesta di invio in formato elettronico della CARD SERVIZI ENPAPI

Auspico che tale iniziativa trovi il favore ed il consenso della platea degli Assicurati in quanto il risparmio economico che deriverà dal nuovo sistema potrà essere utilizzato per promuovere ulteriori interventi in favore degli Iscritti.

Il Presidente MARIO SCHIAVON

CONTACT CENTER Riduci

CONTACT CENTER ENPAPI 

Chiamando il numero

800 070 070

e digitando il numero di matricola sarà possibile accedere ad un servizio interamente rinnovato

Archivio articoli pubblicati Riduci
Area Riservata Iscritti Riduci

VIDEO PROMO Riduci

Co.Co.Co e Committenti Riduci

Newsletter Riduci
Posta Certificata Riduci

 PEC

 

Posta Elettronica Certificata
ENPAPI Gratuita

Richiedi Login
ANSA Professioni Riduci

Area Organi e Collegi Riduci


Guida accesso collegi
Hai Dimenticato la Password?

Rapp. Professionali Riduci
Enti di Previdenza Riduci
Convenzione assicurativa Riduci

 

Previdenza Complementare Riduci
Assistenza Sanitaria Riduci
Associazioni Infermieristiche Riduci
Iniziative da parte di iscritti Riduci
Convenzione Riduci

Convenzione Riduci

ENPAPI, Via Alessandro Farnese, 3 - 00192 - ROMA | Numero verde: 800.070.070 | Fax: 06/3670.4490 | email: info@pec.enpapi.it
Condizioni di utilizzo -Informativa privacy - Sito realizzato da GOSPAService
);